OCEANO

La prima volta che ho conosciuto il dolore ero molto piccolo, ma tanto piccolo. Mi ha salvato quel decennio in cui gli americani, dopo aver vinto la guerra, si dedicavano alle sperimentazioni dell’industria farmacologica negli allora paesi che avevano preso la strada dello sviluppo economico come l’Italia.

Le difficoltà respiratorie hanno condizionato la mia infanzia e gran parte dell’adolescenza. Il senso di soffocamento per me era una cosa fisica ancor prima che psicologica. Un incubo tremendo, reso ancora più terribile dalla mia adorazione verso l’acqua e il mare: l’unica vera divinità che riconosco.

A 16 anni, durante una partita della parrocchia, un mio amico poeta, magrissimo e eroinomane, mi disse che voleva morire perché ogni sua azione gli sembrava un crimine orrendo verso quella vita che gli altri, brulicanti insetti,  consumavano alla ricerca di un’identità. Mi sembrava una parabola metafisica. Mi spedì una lettera prima di impiccarsi sulla trave di una soffitta sulle rive dell’Adige, a Verona. Le poste italiane me la fecero avere a sepoltura già avvenuta. C’era scritta sola una frase:

“La perdita assorbe sempre il possesso”

Si chiamava Ugolino, lo chiamavano Ugo. Scrisse un paio di libri prima di andarsene.

Associo spesso la libertà all’oblio e quando lo faccio penso ai morti, perché rimangono vivi nella mia mente. Ho un bisogno profondo di solitudine e la capacità di abbracciarla come un invisibile fratello o sorella che si concede solo in quel tuo istante di terrore.

La pioggia e i pesci muti dell’oceano, familiari e crudeli allo stesso tempo, per me rimangono in mistero che nessun meteorologo e nessuna tassonomia può spiegarmi. Ho un male sottile che combatto con viaggi astrali e con la comprensione della città al pari di un formicaio.

Credo andrò verso il mare, poi dentro mare, per dispetto verso l’arroganza dei miei polmoni che non accettano le due parti di idrogeno dell’acqua.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *